Autunno in Toscana: Firenze protagonista, forte richiesta per il ponte di novembre

Per una regione come la Toscana il periodo che va da fine agosto a metà novembre è sempre molto particolare: è un periodo in cui nel mercato turistico c’è una sorta di rimescolamento delle carte, dove le destinazioni balneari lasciano il posto alle città d’arte e al turismo interno, il mercato internazionale assume un ruolo più rilevante e la domanda diventa più sensibile a festività ed eventi.

Analizzando le ricerche dei turisti fatte negli esercizi ricettivi dal 17 agosto al 17 ottobre, si legge chiaramente questo cambiamento: il mercato di fine agosto era ancora legato al turismo balneare di bassa stagione e la domanda si concentrava specialmente nelle zone della Maremma Toscana e della Costa degli Etruschi. I turisti più interessati ai pernottamenti erano principalmente italiani, anche se la quota di stranieri iniziava ad aumentare.

Durante il mese di settembre è iniziato a crescere l’interesse per le destinazioni interne del Chianti, Val d’Elsa, Val d’Orcia e Val di Chiana, mentre le destinazioni balneari passavano in secondo piano: la domanda estera, in questo caso, era più rilevante ma il mercato domestico era comunque il prevalente (italiani 57% del totale). Anche per Firenze e l’area Fiorentina la pressione della domanda è aumenta con l’arrivo dell’autunno: le ricerche di pernottamenti sono in crescita sia per il mercato domestico che per quello straniero che, in questo caso, ha una quota più importante rispetto alle altre destinazioni toscane (italiani 46%; stranieri 54%).

 

MONOPOLIO FIORENTINO. Ma nonostante questi cambiamenti, nonostante le buone performance estive delle mete balneari e nonostante le città d’arte siano state le destinazioni più colpite dalla crisi, Firenze è sempre stata la destinazione protagonista del turismo toscano. Ben il 69% di tutti i posti letto cercati negli ultimi due mesi sono per Firenze e dintorni: più di due terzi dei turisti che vogliono visitare la Toscana la scelgono come base dove pernottare e la domanda cresce con l’avanzare dell’autunno. Questo è un dato molto rilevante: non tanto il primo posto di Firenze, al quale siamo abituati, piuttosto la grande concentrazione della domanda in un’unica area. Quasi un monopolio: una buona notizia per le destinazioni che la circondano, un po’ meno per chi si preoccupa dell’overtourism.

 

IL PERIODO PIÙ RICHIESTO. Anche in merito alle date di arrivo, la domanda è molto concentrata: considerando le date future, ossia dal 19 ottobre al 31 dicembre, il periodo più richiesto è il ponte del 1° novembre. I turisti stanno cercando pernottamenti principalmente per sabato 30 ottobre (data di picco) e per venerdì 29, con una permanenza media di 2,6 notti. È una tendenza che si conferma in tutte le destinazioni toscane, anche in quelle balneari. Le ricerche provengono principalmente dai turisti italiani, che rappresentano il 79,6% del totale, mentre gli stranieri sono il 20,4%. Per l’area Fiorentina la quota di turismo estero è leggermente più alta (23,3%).

Le  destinazioni più richieste in questo periodo sono: Firenze e l’area Fiorentina (29% del totale), Chianti (9%), Maremma Toscana Sud (8%), Val d’Elsa e Montalbano (7%). Tra i Comuni con in numero più alto di ricerche spiccano, oltre Firenze, Montecatini Terme, Grosseto e la sua Marina, San Gimignano e Siena.

È interessante notare che per le date successive la domanda crolla sensibilmente: per i week-end successivi la richiesta di pernottamenti è notevolmente più bassa e rimane tale per tutto il mese di novembre.

 

 

 

 

Informazioni su Destination

Destination è un progetto di market intelligence creato da Lybra – sviluppatori del più completo, machine learning, data-centric Revenue Management System (RMS) disponibile sul mercato – per condividere in tempo reale statistiche, informazioni e tendenze specifiche nel mondo del turismo.

Ogni giorno, Lybra analizza milioni di set di dati – dati raccolti da migliaia di PMS di hotel e dati di ricerca di voli da un motore di prenotazione leader nel metasearch – per aiutare gli albergatori a “guardare avanti per capire meglio il presente”; in altre parole, Lybra aiuta gli albergatori a capire la domanda futura per la loro destinazione di riferimento e dà loro gli strumenti di revenue management e le intuizioni necessarie per massimizzare prenotazioni ed entrate.

L’obiettivo di Destination è di dare agli albergatori e alle DMO una visione più ampia sulle notizie e sulle tendenze del turismo nelle diverse regioni del mondo. Destination produce settimanalmente dei Travel Demand Reports, che condividono gli sviluppi del turismo per un paese/regione specifica e analizzano come le notizie di viaggio di una specifica regione influenzano la domanda turistica. Segui Destination su LinkedIn per avere accesso ai prossimi Travel Demand Reports, che vengono pubblicati ogni martedì.

News & Events 

News

Eventi

Performing Management | Firenze 9 Giugno 2021

Performing Management | Firenze 9 Giugno 2021

Mercoledì 9 Giugno alle ore 16:30 presso l'Hotel Villa Olmi Firenze (Via del Crocifisso del Lume, 18 - 50126 Bagno a Ripoli), il nostro CMO Stefano Sciamanna, parteciperà all'evento organizzato da PlayHotel Next dove si parlerà di  Performing Management. Registrati...

Blog

Qual è il Ruolo dei Big Data nel Revenue Management?

Qual è il Ruolo dei Big Data nel Revenue Management?

Guardiamo avanti, per non riamanere indetro Il mondo del turismo negli ultimi anni è stato scosso da una forte spinta innovativa, grazie all’introduzione delle nuove tecnologie e ad una maggiore consapevolezza manageriale. Come spesso accade, la tecnologia corre...