Calo delle ricerche per le destinazioni trentine, Lago di Garda decisivo per la bassa stagione

Dopo un inizio agosto promettente, la pressione della domanda per le destinazioni del Trentino-Alto Adige ha iniziato prima a smorzarsi, poi a diminuire fortemente durante le settimane centrali, fino a crollare durante la prima settimana di settembre: è quanto emerge dai dati provenienti dai booking engine delle strutture turistiche della Regione, informazioni raccolte durante la fase di ricerca dei pernottamenti che esprimono le intenzioni di viaggio dei turisti.

TREND. Secondo i dati degli ultimi trenta giorni (4 agosto – 4 settembre) il trend è indubbiamente negativo, poiché i turisti alla ricerca di un pernottamento sono diminuiti ad un tasso medio giornaliero del -2,8%. La domanda ha perso forza soprattutto durante l’ultima settimana, con una contrazione del -30,7% rispetto alla precedente. Il fenomeno è omogeneo sul territorio: per la Provincia Autonoma di Bolzano la variazione settimanale è stata del -29,0%, mentre per la Provincia Autonoma di Trento del -31,0%. Questo andamento potrebbe essere letto come fisiologico, coerente con la fine della stagione estiva, ma forse l’interesse dei viaggiatori verso il Trentino si è spento un po’ troppo bruscamente.

 

SETTEMBRE DEBOLE. La maggior parte dei turisti ha cercato pernottamenti con check-in tra il 27 agosto e il 5 settembre: la domanda si è concentrata quasi totalmente in questo intervallo, mentre per le date successive c’è poco interesse. Bisogna considerare, tuttavia, che le intenzioni di viaggio per il mese di settembre sono influenzate da numerosi fattori (come le condizioni meteorologiche o l’inizio dell’anno scolastico) e che, nonostante ci sia stato un generale allungamento della booking window media, per i turisti è ancora presto pensare alla stagione invernale. Al momento, le ricerche di pernottamenti per il mese di ottobre sono un quinto di quelle per il mese di settembre.

 

LE METE PIÙ GETTONATE. Tra le mete più cercate dai turisti spicca il comprensorio del Lago di Garda: nello specifico dei Comuni, al primo posto troviamo Riva del Garda, seguito da Nago-Torbole e Ledro. Secondo l’analisi del comportamento di ricerca, il Lago di Garda sembra essere una destinazione chiave per la Regione: non solo per il volume dei pernottamenti cercati, ma soprattutto perché è l’unica destinazione a soffrire meno della contrazione dovuta alla bassa stagione. Inoltre, a differenza di altre destinazioni, il primo mercato non è quello domestico: a Riva del Garda, ad esempio, ben il 46,6% delle ricerche proviene dalla Germania; gli italiani seguono al secondo posto con il 30,1%. Tra le altre destinazioni della Provincia autonoma di Trento, emerge un forte interesse per l’Alta Valsugana, la Valle di Primiero e la Val di Sole.

Le ricerche per la Provincia Autonoma di Bolzano, invece, sono molto più concentrate: il 24,5% delle ricerche è per Collalbo, nell’Altopiano del Renon, e la destinazione più cercata è l’area dell’Oltradige e Bassa Atesina. In entrambi i casi il mercato principale è quello italiano: a Collalbo la quota di italiani è del 36%. Le altre mete maggiormente cercate dai turisti sono la Val Venosta, l’area Dolomitica, specialmente la Val Pusteria e la Val Gardena.

 

 

 

Informazioni su Destination

Destination è un progetto di market intelligence creato da Lybra – sviluppatori del più completo, machine learning, data-centric Revenue Management System (RMS) disponibile sul mercato – per condividere in tempo reale statistiche, informazioni e tendenze specifiche nel mondo del turismo.

Ogni giorno, Lybra analizza milioni di set di dati – dati raccolti da migliaia di PMS di hotel e dati di ricerca di voli da un motore di prenotazione leader nel metasearch – per aiutare gli albergatori a “guardare avanti per capire meglio il presente”; in altre parole, Lybra aiuta gli albergatori a capire la domanda futura per la loro destinazione di riferimento e dà loro gli strumenti di revenue management e le intuizioni necessarie per massimizzare prenotazioni ed entrate.

L’obiettivo di Destination è di dare agli albergatori e alle DMO una visione più ampia sulle notizie e sulle tendenze del turismo nelle diverse regioni del mondo. Destination produce settimanalmente dei Travel Demand Reports, che condividono gli sviluppi del turismo per un paese/regione specifica e analizzano come le notizie di viaggio di una specifica regione influenzano la domanda turistica. Segui Destination su LinkedIn per avere accesso ai prossimi Travel Demand Reports, che vengono pubblicati ogni martedì.

 

News & Events 

News

Eventi

Blog